100 / / / /



/ 100 / / / /

 
()




Quel sguardo sdegnosetto
lucente e minaccioso,
quel dardo velenoso
vola a ferirmi il petto,
Bellezze ond`io tutt`ardo
e son da me diviso
piagatemi col sguardo,
Sanatemi col riso....
Quel sguardo sdegnosetto
lucente e minaccioso,
quel dardo velenoso
vola a ferirmi il petto,
Bellezze ond`io tutt`ardo
e son da me diviso
piagatemi col sguardo,
Sanatemi col riso.

Armatevi, pupille
d`asprissimo rigore,
versatemi su`l core
un nembo di faville.
Ma `labro non sia tardo
a ravvivarmi ucciso.
Feriscami quel squardo,
ma sanimi quel riso.

Begl`occhi a l`armi, a l`armi!
Io vi preparo il seno.
Gioite di piagarmi
in fin ch`io venga meno!
E se da vostri dardi
io resterò conquiso,
feriscano quei sguardi,
ma sanami quel riso.


  (scherzi musicali), ..    (1632):  2 - `Quel sguardo sdegnosetto`, SV247 + 247:1 ()
Patrizia Ciofi (Soprano). Notre-Dame du Bon Secours, , (05/19/2006).
: Osobnyak , 09.08.2016 17:42             

 
     

classic-online@bk.ru