100 / / / /



/ 100 / / / /

 
()




Ecco di dolci raggi il sol armato
del verno saettar la stagion florida.
Di dolcissim`amor inebriato,
dorme tacito vento in sen di Clorida.
Tal`hor però, lascivo e odorato
ondeggiar...
Ecco di dolci raggi il sol armato
del verno saettar la stagion florida.
Di dolcissim`amor inebriato,
dorme tacito vento in sen di Clorida.
Tal`hor però, lascivo e odorato
ondeggiar tremolar fa l`herba florida;
l`aria, la terra, il ciel spiran amore:
Arda dunque d`amor, arda ogni core!

Io, ch`armato sin hor d`un duro gelo,
degli assalti d`amor potei difendermi;
ne l`infocato suo pungente telo
puote l`alma passar o `l petto offendermi.
Hor che il tutto si cangia al novo cielo,
(a due begli occhi ancor non dovea rendermi)
sì si disarma il solito rigore:
Arda dunque d`amor, arda il mio core!


  (scherzi musicali), ..    (1632):  4 - `Ecco di dolci raggi`, SV249 ()
Rolando Villazón - tenor. - Notre-Dame du Bon Secours, , (05/19/2006).
: Osobnyak , 09.08.2016 15:37             

 
     

classic-online@bk.ru